come cambierà il digitale terrestre

DVB-T2 cosa succederà al digitale terrestre

Il DVB T2 è il nuovo standard per il digitale terrestre. Ecco come richiedere i fondi per l'acquisto di un nuovo televisore
DVB-T2 cosa succederà al digitale terrestre FASTWEB S.p.A.

La transizione dall'analogico al digitale sembra distante nel tempo, eppure sono passati solo pochi anni dallo switch-off che ha portato l'Italia in una nuova era della storia televisiva. Un cambiamento epocale per il nostro paese abituato al collegamento via etere e poco propenso ad altre tecnologie come il cavo, già utilizzato da tempo in Germania e nei Paesi del Nord Europa.

A pochi anni dallo switch-off che ha portato tutti gli italiani a scoprire il digitale terrestre, il Governo ha deliberato un nuovo grande cambiamento. Entro il 2022 ci sarà un'ulteriore transizione, questa volta al DVB-T2. Si tratta di una nuova tecnologia che permetterà in primis di liberare le frequenze finora occupate dalle trasmissioni televisive per permettere agli operatori telefonici di lanciare in tutto il Paese il 5G e in seconda battuta di migliorare la qualità video. Infatti, grazie al DVB-T2 sarà possibile trasmettere i programmi fino a una risoluzione 8K. Il processo di transizione sarà lungo e comincerà nei prossimi mesi e terminerà solamente il 20 giugno 2022, con una road map già delineata dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Molti dei televisori presenti nelle abitazioni degli italiani non sono in grado di supportare il nuovo standard e quindi sarà necessario acquistarne uno nuovo. Il Governo ha messo a disposizione un fondo di 151 milioni di euro (potrebbe essere aumentato nel tempo) per aiutare i cittadini ad acquistare un nuovo TV. Per ottenere l'aiuto economico, però, è necessario rispettare alcuni requisiti e avere un certo reddito annuo. Ecco cosa è il nuovo digitale terrestre e quanto vale il bonus TV per l'acquisto di un nuovo televisore.

Che cosa è il DVB T2

dvb t2

Il DVB T2 è una nuova tecnologia che migliora la qualità delle trasmissioni televisive. Il nuovo digitale terrestre utilizzerà lo standard di compressione video HEVC (High Efficiency Video Coding), meglio conosciuto come H.265. Le caratteristiche del nuovo standard di compressione sono molto interessanti: migliora la qualità video e supporta una risoluzione fino a 8K.

Per vedere i canali televisivi con il DVB T2 è necessaria l'integrazione di chip (decoder) compatibili da parte dei produttori TV, mentre i broadcaster devono mettere in preventivo il cambio di attrezzature ed impianti.

Quando avverrà lo switch-off da DVB T1 a DVB T2

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha delineato una road map che permetterà ai cittadini di adeguarsi in tempo. Come già avvenuto nel passaggio da analogico a digitale, il passaggio sarà graduale e riguarderà ogni volta diverse regioni italiane. Ecco il calendario approvato finora dal Ministero.

  • 1 settembre 2021 – 31 dicembre 2021: Area 2 – Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; Area 3 – Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza
  • 1 gennaio 2022 – 31 marzo 2022: Area 1 – Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna
  • 1 aprile 2022 – 20 giugno 2022: Area 4 – Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche.

 

Come capire se il proprio televisore supporta il DVB T2

antenna

Purtroppo non tutti i televisori presenti nelle abitazioni degli italiani sono in grado di ricevere il nuovo segnale televisivo. Solamente i TV in vendita dopo il 1 gennaio 2017 hanno integrato il decoder per il DVB T2 (controllare se sulla scatola del dispositivo è presente il bollino ad hoc), mentre tutti coloro che hanno comprato un televisore prima di questa data molto probabilmente dovranno acquistarne uno nuovo. Oppure comprare un decoder ad hoc che permetterà di ricevere il segnale DVB T2.

Bonus TV chi ne ha diritto

Per facilitare la vita dei cittadini, il Governo sta mettendo a punto un fondo di 151 milioni di euro per aiutarli nell'acquisto di un nuovo televisore o di un nuovo decoder. Per ottenere il Bonus TV è necessario rispettare alcuni requisiti economici: far parte della fascia ISEE I (10.632,94 euro) o della fascia ISEE II (21.265,87 euro). L'agevolazione dovrebbe essere disponibile da dicembre 2019 e durare fino al 2022, quando avverrà lo switch off. Nelle indiscrezioni degli ultimi mesi, il Bonus TV dovrebbe consistere in uno sconto di 50 euro in fase di acquisto del nuovo televisore, ma su questo punto ancora non c'è nessuna conferma. Per avere lo sconto è necessario presentare durante il pagamento un'autodichiarazione in cui si attesta di essere in possesso dei requisiti ISEE I o ISEE II.

 

15 novembre 2019

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c'è da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail