refrigeratore

Quale refrigeratore a evaporazione acquistare

Una valida alternativa ai condizionatori domestici sono i refrigeratori a evaporazione. Ecco che cosa sono, a cosa servono e quali sono i modelli migliori
Quale refrigeratore a evaporazione acquistare FASTWEB S.p.A.

Se devi rinfrescare piccoli ambienti o uffici, anche temporaneamente, e non vuoi o non puoi consumare troppa energia elettrica, allora la scelta di un classico condizionatore a inverter potrebbe non essere affatto la migliore. Questi apparecchi sono costosi, consumano abbastanza energia elettrica (anche se i migliori condizionatori smart ne consumano oggi assai meno) e vanno installati da un tecnico qualificato. Una volta installato, poi, il condizionatore non si muove da lì.

Una seconda ipotesi, più flessibile, è quella rappresentata dai ventilatori con refrigeratore a evaporazione, detti anche ventilatori ad acqua. Si tratta di prodotti molto più semplici rispetto ai condizionatori, con consumi molto inferiori e che possono essere trasportati facilmente da una stanza all'altra. La potenza di raffrescamento non è paragonabile, ma ciò non toglie che bisognerebbe provare almeno una volta questi prodotti: potrebbero rivelarsi la scelta ideale in molte situazioni. Ecco come funzionano e cosa offre il mercato.

Come funziona il ventilatore ad acqua

Un refrigeratore a evaporazione è costituito da un serbatoio dove va inserita dell'acqua, all'interno del quale è immerso un evaporatore. Una sorta di spugna che resta sempre umida (finché tutta l'acqua non è evaporata) e che viene attraversata dal flusso d'aria generato da una ventola. Poiché l'acqua ha sempre una temperatura inferiore rispetto all'aria, quando l'aria viene spinta attraverso l'evaporatore si raffredda ed esce più fresca di quando è entrata. È anche possibile inserire acqua già rinfrescata o addirittura ghiaccio o ghiaccio secco nel serbatoio, per abbassare ulteriormente la temperatura dell'aria in uscita.

refrigeratore

Refrigeratori a evaporazione: i pro e i contro

Vista la semplicità di questo sistema, è chiaro che i consumi di questi dispositivi di raffrescamento sono infinitamente inferiori rispetto a quelli di un condizionatore. A consumare energia, infatti, c'è solo la ventola e un po' di elettronica di controllo. Certo, se inseriamo del ghiaccio nel serbatoio per essere "energeticamente onesti" dovremmo aggiungere anche il consumo di energia necessario a produrre il ghiaccio. Tuttavia, anche in questo caso, siamo ben al di sotto del consumo di un condizionatore classico.

Di contro, però, la capacità di raffreddare l'aria non solo è minore, ma non è costante: man mano che l'aria calda passa nell'evaporatore l'acqua del serbatoio si riscalda e, di conseguenza, perde gradualmente la sua capacità di raffrescare la stanza. Infine, l'acqua evapora e prima o poi finisce. Quindi se il serbatoio è piccolo dovremo ricaricare l'evaporatore spesso.

Refrigeratori a evaporazione: come sceglierli

Essendoci poche componenti dentro un ventilatore ad acqua, sono poche anche le caratteristiche tecniche da prendere in considerazione prima dell'acquisto. La più importante è di sicuro la capacità del serbatoio: un serbatoio piccolo rende il ventilatore più comodo da trasportare e ne riduce le dimensioni complessive, ma ci costringerà a frequenti rabbocchi. Il secondo fattore da prendere in considerazione è la potenza della ventola, espressa di solito in metri cubi per ora.

Più è potente la ventola più aria fresca uscirà dall'evaporatore ma, allo stesso tempo più in fretta l'acqua salirà di temperatura. L'ideale, quindi, è cercare un refrigeratore ad acqua con il corretto rapporto tra serbatoio e ventola. Infine, gli accessori: il più utile è certamente il termometro che ci dice a che temperatura si trova l'acqua e ci permette di capire quando è il caso di inserire qualche cubetto di ghiaccio. Altro accessorio molto utile, ma si commenta da solo, è il timer.

Klarstein Maxfresh

klarstein

Tra i raffreddatori ad evaporazione più apprezzati c'è il Klarstein Maxfresh. Si tratta di un ventilatore da 444 m³/h, sufficienti a rinfrescare anche una stanza abbastanza ampia, con un serbatoio di 6 litri e un consumo elettrico complessivo di 55 Watt. È dotato di timer e di telecomando.

Ha un peso poco inferiore ai 10 chili, acqua esclusa, e un design a sviluppo verticale con ruote per un comodo spostamento. Il vero difetto di questo prodotto è il serbatoio: con questa potenza forse qualche litro in più sarebbe stato meglio. Il prezzo è di circa 160 euro e può essere acquistato sui siti di e-commerce.

Kooper Triofresh 3 in 1

kooper triofesh

Il Triofresh di Kooper è un prodotto "3 in 1": oltre a raffrescare l'aria può anche purificarla e ridurre l'umidità. Ha una potenza di 70 Watt, timer e telecomando e non pesa neanche molto: 4,5 chili acqua esclusa. La forza di questo prodotto è la capacità del serbatoio: ben 11 litri, più che sufficienti per farlo funzionare per diverse ore consecutivamente senza che siano necessari rabbocchi e senza che l'acqua si riscaldi troppo in fretta. Il prezzo è di poco superiore ai 100 euro.

Coldman Mini Air Cooler

Il Mini Air Cooler di Coldman è un prodotto molto diverso dai precedenti, perché è proprio "mini": 22,5x16,5x10 cm di dimensioni e 0,68 kg di peso. Si tratta quindi di un dispositivo da scrivania, da tenere vicino perché la potenza di appena 10 Watt (con alimentazione USB) non può fare miracoli. Come non possono far miracoli gli 0,24 litri di serbatoio. Ma come gadget per la scrivania in ufficio non è affatto male: c'è pure uno speaker e la connessione Bluetooth.

EEIEER 4 IN 1

eeieer

Un'alternativa al Mini Air Cooler di Coldman è l'EEIEER 4 IN 1 (nel 4 in 1 ci sono pure le funzioni di luce notturna e luce d'atmosfera). La potenza sale a 18 Watt e il serbatoio a 420 ml, ma questo prodotto resta comunque un raffreddatore a evaporazione da scrivania e per uso personale, non può rinfrescare un'intera stanza di grandi dimensioni. Infatti non ha nemmeno il telecomando ed è sconsigliato usarlo a oltre un metro di distanza da noi. Può essere acquistato a un prezzo di poco inferiore ai 60 euro.

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail